Il mercato europeo per MOCA muove circa 100 miliardi di euro annui, con il 50% del valore che proviene dai settori plastica e carta, seguito da vetro, metalli e settore dei macchinari. Impellente la necessità degli operatori di tenere il passo con leggi in costante evoluzione, e svolgere la propria attività ottemperando agli obblighi richiesti senza esitazioni.

Considerate le novità legislative, per le quali è stato sviluppato un servizio di aggiornamento normativo e di consultazione on line delle legislazioni globali sui MOCA, il supporto del Food Contact Center nelle situazioni che necessitano di urgente consolidamento può prevedere la definizione di un piano o di un manuale di autocontrollo, la valutazione del rischio tramite prove mirate alle conformità, ma non solo.

I test non sono l’unica forma ammessa per la definizione della conformità: con adeguate valutazioni guidate da competenze specifiche, è possibile associare a un numero limitato di prove analitiche altri calcoli o considerazioni, ad esempio correlati a migrazioni per calcolo, o stima di simulanti e situazioni peggiorativi, mirati anche ad associare i provini testati con svariate referenze, anche tramite la valutazione di spessori, ingredienti e processo utilizzati; è possibile così programmare un piano di prove sostenibile per le aziende, che insieme ad altre competenze consentono di definire la documentazione di supporto.
In un momento successivo, il Food Contact Center può fornire ulteriore assistenza nella conseguente stesura della dichiarazione di conformità, prevista dalla legge.

Vai all’articolo completo sul sito di Italia Imballaggio:

https://www.italiaimballaggio.network/it/contenuti/Istituto-Italiano-Imballaggio-seminario-moca-2018